Passa ai contenuti principali

Storie di immigrati: Mathilde Edey Gamassou

E, se ci pensi, da che mondo è luce, di quest’ultima non è mai il colore che rammenterai, bensì il prezioso calore, le variegate forme e più che mai quel che di bello ha illuminato.
Allo stesso modo, Shakespeare non era un colore, ma miliardi, quanti ne può fondere insieme nello stesso racconto, nella medesima pagina, in un solo magico verso chi legga parole, distese senza fine di parole, dove gli altri vedono tutto il resto...

Leggi il resto

Commenti