Passa ai contenuti principali

Storie di immigrati nel futuro

Allora soffiamo sulle lancette dell’orologio con ogni particella di fiato che serbiamo nel petto per i goal all’ultimo minuto e per le feste comandate.
Tutti insieme, ora.
E immaginiamo cosa diranno e faranno, un giorno.
Come è stato per gli ebrei.
Foto e filmati saranno opportunamente vecchi.
Lontani, al riparo del tempo e soprattutto delle coscienze attuali.
Perché, come purtroppo sovente accade, l’orrore peggiore assume contorni definiti solo allorché lo si osservi laggiù.

Leggi il resto

Commenti