Passa ai contenuti principali

Storie di immigrati e super eroi

Sul serio, esistono, io li conosco, li ho visti.
Ci ho parlato.
Li ho ascoltati.
E solo che ancora non lo sanno.
Si chiamano i Vendicatori, già, proprio come quelli del film.
Hanno i poteri, anche loro, senza scherzi.
C’è Tor, senza l’acca, che sta per Torquato, ma tanto quando lo chiami non vedi la differenza.
E’ un alieno, un vero alieno, il muratore.
Perché solo un alieno sarebbe capace di rimanere indenne di fronte alla quantità industriale di odio sotto forma di informazione che viene raccontata ogni giorno.
E’ un alieno con un martello instancabile.
Un’arma meravigliosa, capace di trasformare il vuoto e le mura che lo rinchiudono in case e vita, andata e ritorno tra un mondo e l’altro, la via verso l’alto e quella per riabbracciare la terra.
C’è Susi, ovvero Susanna, la donna invisibile per tutti tranne che le altrettante ombre sedute al banco che si nutrono delle parole della maestra come la sabbia fa con l’acqua.
Voracemente.

Leggi il resto

Commenti